Come impieghiamo il 5×1000

In questi anni abbiamo sostenuto tanti progetti nei 13 paesi in cui Aleimar è presente.

Ecco i principali progetti che hai reso possibile
destinando il 5×1000 ad Aleimar

PROGETTO DIVERSAMENTE SCUOLA IN PALESTINA

In Palestina, supportiamo la scuola “Holy Child” per bambini e ragazzi con disabilità mentale o con difficoltà di apprendimento provenienti da situazioni socio-famigliari difficili e residenti nella zona di Betlemme. Grazie al sostegno a distanza garantiamo a 9 bambini, che provengono da famiglie in grave disagio socio-economico, la possibilità di ricevere un adeguato supporto scolastico.

Con il contributo 5×1000 di € 2.939,00 siamo riusciti a coprire l’iscrizione a 8 studenti che solo così hanno iniziato un percorso di crescita culturale e scolastica.

PROGETTO CASA LAURA IN CONGO

In Congo supportiamo il centro di accoglienza “Casa Laura” di Lubumbashi, gestito dalle Figlie di Maria Ausiliatrice (Suore Salesiane) e il sostegno a distanza consente a 42 bambine e ragazze la possibilità di andare a scuola e di crescere in un ambiente sereno e famigliare. Le bambine ospitate provengono da condizioni socio-famigliari difficili e, spesso, allontanate da casa perché accusate di stregoneria. L’obiettivo del progetto è quello di aiutare queste ragazze a costruirsi le basi per un futuro migliore, e, ove possibile, si cerca di facilitare il graduale reinserimento in famiglia.

Il contributo 5×1000 di € 1.384,00 ha in parte permesso di coprire i costi relativi alle periodiche visite a domicilio alle ragazze rientrate in famiglia.

PROGETTO TUTTI A SCUOLA IN BENIN

Aleimar fornisce supporto a circa 31 bambini orfani o provenienti da famiglie povere, disgregate o colpite da HIV, che frequentano la scuola materna “Piccoli angeli” e la scuola elementare “Pere Huchet” di Natitingou. Qui i bambini non sono seguiti solo a livello scolastico, ma anche e soprattutto per quanto riguarda lo sviluppo psicofisico e i rapporti con la famiglia. Il sostegno a distanza consente di intervenire nei problemi di salute, di nutrizione, di perdita del padre o della madre, di abbandono della famiglia da parte di uno dei genitori e altro. Il progetto prevede inoltre che alcuni bambini orfani o in estrema difficoltà possano essere ospitati temporaneamente (soprattutto durante il periodo di chiusura scolastica) presso Casa Aleimar.

Il contributo 5×1000 di € 6.332,85 ha permesso di coprire parte dei costi di materiale scolastico e di alcuni lavori di ristrutturazione, sia delle due strutture scolastiche che della casa di accoglienza (tetto, nuovi bagni, un capannone, riparazione paillotte, ecc).

PROGETTO CITTÀ DELLA GIOIA IN BENIN
Grazie al Sostegno a Distanza in Benin aiutiamo 30 bambini accolti nel centro di accoglienza “Cité de la Joie” di Perma gestito dalle suore dell’Istituto St. Augustin che, insieme ad alcune volontarie, si occupano con dedizione dei piccoli assicurando loro nutrizione, cure mediche e un ambiente familiare sereno in cui crescere sentendosi amati.

Il contributo 5×1000 di € 7.012,65 destinato al progetto è stato utilizzato per coprire le spese relative alla ristrutturazione della mensa.

PROGETTO SCUOLA MATERNA “ZOUNGBONOU” IN BENIN

Il progetto va ad agire nella Regione del Mono, a sud del Benin, dove la popolazione vive di un’economia basata sull’agricoltura di sussistenza e di pesca e ha come quello di contribuire al benessere dei bambini, migliorando e assicurando loro la scuola materna, così da avere un centro in cui sia possibile suscitare in loro la volontà di perseguire gli studi.

Il progetto ha previsto la ristrutturazione della scuola materna “Zoungbonou” a Manonkpon, nel comune di Houéyogbé, frequentata da 83 bambini e ridotta a uno stato fatiscente: non vi erano latrine agibili, i bambini avevano a disposizione solo quattro foglie di palma senza porte e per di più di fronte all’entrata delle aule; per poter giocare avevano a disposizione solo delle ruote di camion incastrate nel terreno e un’altalena non agibile. L’intervento di ristrutturazione mira a realizzare un luogo più sicuro e adatto ai bambini, tramite la costruzione di un muro di cinta sui tre lati (il quarto è stato già eseguito da un benefattore esterno), un portale con porta a lato per l’entrata e l’uscita di mezzi e persone, il rifacimento dello spiazzo antistante l’entrata delle aule (poiché il terreno argilloso diventa pericoloso quando piove) e i gradini di accesso alla struttura. È prevista anche la costruzione di una mensa, dato che la scuola ne è sprovvista, la fornitura di qualche gioco da cortile, la pulitura dalle erbacce per creare uno spazio dove i bambini possano avere più spazio per giocare, la foratura a 15 m per un nuovo pozzo, dato che l’attuale, profondo 7 m, non garantisce acqua sufficiente. Per far fronte al problema delle latrine inagibili, il progetto ne prevede la costruzione di nuove (3 per i maschi e 3 per le femmine) in un luogo diverso da quello attuale.

Nel 2016 con il contributo 5×1000 di € 23.410,00 è stata avviata la ristrutturazione della scuola, costruita la mensa, dotato il cortile di giochi per i bambini e pulite le erbacce. Nel 2018 con il contributo 5×1000 di € 11.001,62 è stato realizzato un pozzo per l’acqua potabile profondo 15,35 metri, con un serbatoio, posto a 6 metri di altezza, di 3,5 metri cubi e sono state costruite 6 nuove latrine.

PROGETTO PULCINI NEL NIDO IN BENIN

Aleimar sostiene il centro di accoglienza “Santi Innocenti” di Natitingou, nel dipartimento dell’Atacora, che ospita circa 160 bambini e neonati orfani o provenienti da famiglie molto povere della zona.
I bambini accolti nel centro vengono nutriti, educati e assistiti nelle loro necessità primarie. Ai neonati è dedicata un’ala apposita e qui vengono accuditi e assistiti fino al raggiungimento del 3° anno di età. Per il loro sostentamento viene acquistato in loco del latte in polvere e il più delle volte questo viene fornito anche a famiglie molto povere che hanno scelto di tenersi il piccolo orfano di mamma. Laddove possibile si cerca di reintegrare i bambini nella propria famiglia di origine. Nel caso in cui il rientro in famiglia non sia possibile vengono studiati percorsi alternativi, come l’assegnazione del bambino presso famiglie affidatarie. Ai bambini più grandi viene garantita la scolarizzazione di base e ai ragazzi la possibilità di frequentare corsi di formazione professionale.

Il contributo 5×1000 andato a sostegno di questo progetto è di € 23.568,68.

PROGETTO LA CASA DELLA GIOIA IN INDIA
Aleimar sostiene il centro di accoglienza Good Samaritan Mission (GSM), situato nella città di Mumbai, che ospita circa 100 bambini orfani, abbandonati o provenienti da famiglie che versano in condizioni di estrema povertà, garantendo loro pasti sani e regolari, corretta igiene, educazione e soprattutto un ambiente familiare e sereno in cui possano crescere e sentirsi amati. Tutti i bambini accolti hanno la possibilità di frequentare la scuola, mentre i ragazzi più grandi e meritevoli hanno la possibilità di frequentare l’università o corsi professionali. Il personale si impegna, laddove possibile, a mantenere i contatti con le famiglie di origine in vista del loro rientro. Nel caso in cui il rientro in famiglia non sia possibile, vengono studiati percorsi alternativi come l’assegnazione del bambino presso famiglie affidatarie. In molti casi i ragazzi più grandi che sono rimasti senza famiglia continuano a vivere alla GSM in attesa di raggiungere una propria autonomia.
In particolare, negli ultimi tempi si sono resi necessari importanti interventi di manutenzione della casa perché dopo 15 anni era diventata una struttura pericolosa, soggetta a continui allagamenti, con larghe e profonde crepe che minacciavano la staticità della struttura. I periti indiani hanno consigliato di abbattere e ricostruirla prima delle piogge estive.

Con il contributo 5×1000 di € 17.500,00 si è potuto ricostruire la casa.

PROGETTO SEMINIAMO IL FUTURO IN BENIN

Il progetto consiste nello sviluppo di attività agricole locali coinvolgendo le donne, in particolare mamme, in situazione economica difficile e/o a rischio di emarginazione sociale a causa del virus dell’HIV. Il secondo asse di lavoro è educativo. Verranno avviate attività nelle scuole in Benin al fine di valorizzare e recuperare i cibi locali per meglio garantire una nutrizione equilibrata. Inoltre lanceremo le basi per una sensibilizzazione pionieristica sul tema della raccolta differenziata dei rifiuti che, partendo dalle scuole, possa raggiungere i genitori degli alunni e le comunità locali.
Per quanto riguarda il primo aspetto le beneficiarie sono 250 donne divise in gruppi di lavoro appartenenti a tre comuni del dipartimento dell’Atacora (una tra le più povere ed arretrate nel nord Benin): Boukoumbé, Natitingou e Toucountouna. Per quanto riguarda il secondo aspetto, invece, i destinatari sono 5 scuole, per un totale di 24 classi (720 studenti e 30 insegnanti).

Il contributo 5×1000 andato a sostegno di questo progetto è di € 20.015,00.

Codice Fiscale Aleimar

91526820153